Vai ai contenuti

Menu principale:

Zuppa alla Pavese

Piatti Tipici
La ZUPPA ALLA PAVESE puo’ essere considerata un piatto rinascimentale avendo avuto origine nel Cinquecento.
 
Infatti il 24 Febbraio 1525 Francesco I° di Valois, Re di Francia, subisce una schiacciante sconfitta da parte degli Spagnoli di Carlo V, nei pressi di Pavia.

Fatto prigioniero, secondo tradizione fu inizialmente portato in un cascinale per essere rifocillato, la cascina Repentita, poco distante da S. Genesio, a due km a nord di Mirabello.
 
Nella cascina sembra che al momento ci fosse solo una contadina, che si adoperò per dare un aiuto all’illustre personaggio.
 
Nella dispensa c’erano solo un po’ di brodo di gallina, due uova, del pane raffermo casereccio e del formaggio, ma la donna non si perse d’animo e dopo aver rotto le uova, le versò nel brodo a cui aggiunse il pane e il formaggio, poi offrì il modesto pasto al re di Francia che ne rimase tanto entusiasta, che dopo la sua prigionia in Spagna lo fece trascrivere nei ricettari di corte francesi con il nome di “zuppa pavese”.

Al di là di questa leggenda, un dato di fatto è che verso la fine del Quattrocento i ricettari di Maestro Martino e di Bartolomeo Scappi (cuochi e gastronomi italiani) già citavano un miscuglio di uova e formaggio grattugiato da versare in una scodella con del brodo di magro o di grasso.
 
Per i contadini del Cinquecento l’uovo non solo dava un valido apporto nutritivo, ma aveva la funzione di dare un colore dorato ai cibi, come lo zafferano, e poteva addensare quei brodi che risultavano troppo liquidi.

Nel maggio 2015 la zuppa alla pavese entra ufficialmente nell'elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali di Regione Lombardia


Sitografia
https://it.wikipedia.org/wiki/Zuppa_alla_pavese
https://www.paviafree.it/20131112674/cucina/zuppa-pavese-tra-storia-e-leggenda.html
Torna ai contenuti | Torna al menu